Assicurazioni Auto: l'Attestato di Rischio




La polizza RC Auto e l'attestato di rischio

AGGIORNAMENTO: L'ATTESTATO DI RISCHIO NON ESISTE PIU' IN FORMA CARTACEA

L'attestato del rischio è fra i documenti più importanti del contratto di assicurazione auto e moto. La maggior parte delle assicurazioni macchina infatti prevedono la formula bonus/malus, che crea importanti variazioni del premio che si pagherà in base, appunto, alla classe di merito che viene certificata sull'attestato di rischio.

Prima del Decreto Bersani, l'attestato di rischio doveva essere richiesto espressamente, almeno un mese prima della scadenza della polizza, alla compagnia di appartenenza qualora si intendesse stipulare il nuovo contratto RCA presso un'altra società assicurativa; bisognava inoltre inviare una disdetta almeno 3 mesi prima della scadenza del contratto per informare la vecchia compagnia dell'intenzione di servirsi di una nuova.

Col Decreto Bersani invece le Compagnie assicurative hanno l'obbligo di inviare l'attestato di rischio direttamente a casa del cliente un mese prima della scadenza del contratto; se il cliente intende rinnovare il contratto presso la stessa compagnia non deve fare altro che firmare il nuovo contratto e pagare il premio, altrimenti lo sottoscrive presso un'altra compagnia presentando l'attestato di rischio. Come abbiamo già detto, è sempre bene inviare una lettera nella quale si informa la vecchia compagnia che non si intende rinnovare il contratto presso di loro .

Sull'attestato di rischio è riportata la classe di merito CU e anche l'andamento rischio degli ultimi 5 anni , ovviamente ci sono anche i dati della compagnia assicuratrice e del contratto in scadenza. Nel caso si stipula una nuova polizza presso un'altra società l'attestato va prodotto in originale e mai in fotocopia.

Nel caso in cui si dovesse terminare un contratto d'assicurazione, per rottamazione automobile per esempio o vendita auto, e quindi si prevede di stipulare a breve un nuovo contratto per un nuovo mezzo è bene conservare accuratamente e gelosamente l'attestato di rischio in modo da poterlo esibire al momento della sottoscrizione del nuovo contratto.
Ricordate che l'attestato di rischio ha una scadenza, dopo la quale si riparte dalla classe più alta che è la 14^. Un tempo aveva validità di un anno oggi prolungata a 5 anni, fate molta attenzione perchè molte compagnie hanno considerato scaduti attestati del rischio ancora validi.

Se dall'attestato di rischio sono evidenti molti sinistri a carico del contrente della polizza, la società assicuratrice potrebbe rifiutare di accettare il carico di un contratto per una persona che è ritenuta troppo a rischio di incidenti.

Il regolamento dell'ISVAP (aggiornamento: ISVAP e' stato soppresso da IVASS ) prevede l'obbligo a carico delle compagnie assicurative, di inserire i dati riportati sull'attestazione del rischio in una banca dati conservata presso enti pubblici, al fine di poter effettuare dei controlli nell'assunzione dei contratti assicurativi.

Utilizzate un comparatore online per trovare la meglio polizza RCA al prezzo piu' basso!

Copyright © 2011 - 2017 by Assicurazione Macchina Tutti i Diritti Riservati